EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Neonato morto dopo circoncisione, fermate due donne

Accusate di omicidio preterintenzionale, anche la madre indagata
Accusate di omicidio preterintenzionale, anche la madre indagata
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - I carabinieri hanno fermato due donne nell'ambito delle indagini sulla morte di un neonato, vicino a Roma, a causa di una circoncisione in casa. Le due donne, di origine nigeriana, sono accusate di omicidio preterintenzionale aggravato ed esercizio abusivo di una professione. Anche la madre del bambino è indagata in stato di libertà, indiziata per concorso in omicidio preterintenzionale. Le indagini dei carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Velletri, ha consentito di raccogliere gravi indizi sul coinvolgimento delle due donne: la madre del neonato avrebbe chiesto ad una di contattare l'amica per eseguire la circoncisione al figlio presso la propria abitazione di Montecompatri. La mattina del 24 marzo scorso la mamma disperata, vedendo lo stato in cui versava il bambino, ha chiamato il 112 e ha chiesto aiuto a una pattuglia di Carabinieri della Stazione di Colonna: inutile la corsa in ospedale dell'ambulanza scortata dai Carabinieri. Sono stati sequestrati i cellulari delle due donne e della madre del neonato e, presso l'abitazione di una delle due fermate, la somma di euro 4.240, ritenuta provento dell'esercizio abusivo della professione, numerose siringhe e medicinali vari. Le donne sono detenute presso il carcere di Rebibbia in attesa della convalida. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 18 giugno - Mattino

Il segretario della Nato Stoltenberg incontra Biden alla Casa Bianca, colloquio su Ucraina e Difesa

La Grecia respinge le accuse di brutalità contro i migranti, inclusi i presunti abbandoni in mare