Cospito: minacce ai giudici, quattro indagati a Ravenna

Le intimidazioni in alcuni volantini affissi sui muri del centro
Le intimidazioni in alcuni volantini affissi sui muri del centro
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAR - La polizia ha compiuto alcune perquisizioni a Ravenna in relazione ad almeno una dozzina di volantini scritti a mano e trovati appiccicati sui muri del centro della città il 24 febbraio scorso a favore della liberazione dell'anarchico Alfredo Cospito dal carcere duro, il 41bis. Proprio quel giorno - come ricordato dal Resto del Carlino - la Cassazione avrebbe dovuto decidere sulla richiesta di revoca. Quattro per ora gli indagati in concorso, tre donne e un uomo, di età comprese tra 32 e 63 anni, per minacce a corpo giudiziario e imbrattamenti aggravati. I quattro farebbero parte di un gruppo anarco-comunista attivo a Ravenna chiamato 'La Comune'. Tra le frasi riportate sui volantini, sequestrati dalla Digos, oltre a richiami sulla liberazione di Cospito e a invettive a magistrati, forze dell'ordine, al Pd e anche a giornalisti, politici e "cittadini silenziosi", compare un attacco esplicito alla magistratura: "Si Alfredo muere todos los jueces son un objetivo", cioè se Alfredo muore tutti i giudici sono un bersaglio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Berlino invia Patriot a Kiev, aumentano i bambini uccisi negli attacchi

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"

Terrorismo: la Danimarca proroga i controlli al confine con la Germania