Assisi si mobilita per il disarmo nucleare

"Usa e Russia lavorino insieme"
"Usa e Russia lavorino insieme"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAR - "Una commissione permanente con esperti russi e americani, che possa lavorare in collaborazione con i leader cattolici e delle altre religioni, per cercare soluzioni utili ai governi che possiedono armi nucleari per incoraggiare modi e mezzi per ridurre gli arsenali e i pericoli nucleari": è la sollecitazione espressa in uno dei passaggi del documento finale della "Conferenza di pace per un tavolo di dialogo sul disarmo nucleare" svoltasi oggi nel Santuario della Spogliazione di Assisi e organizzata dal Comitato civiltà dell'amore, dalla diocesi di Assisi-Nocera-Gualdo e dalla città di Assisi. Nel corso dell'iniziativa, alla quale hanno presenziato il presidente del Comitato Giuseppe Rotunno, il vescovo diocesano monsignor Domenico Sorrentino e il sindaco Stefania Proietti, è stata ribadita "la necessità di un dialogo costante, soprattutto in questo momento, tra esperti russi e americani, per ridurre il rischio dell'uso di armi nucleari con conseguenze catastrofiche". "Stati Uniti e Russia - è stato sottolineato - detengono la vasta maggioranza dell'arsenale nucleare mondiale e hanno la speciale responsabilità di lavorare insieme a misure pratiche che riducano la minaccia di una guerra nucleare". "Dalla terra natia di San Francesco, il Santo della pace e dell'amore per i poveri - si legge nella dichiarazione - parte la speranza di utilizzare i fondi attualmente spesi per le armi nucleari per scopi umanitari migliori". A prendere la parola nel panel in inglese, moderato dal cardinale Silvano Tomasi, sono stati, fra gli altri, Sergey Rogov del think thank russo Institute for Us and Canadian Studies, l'archimandrita Philip (Riabykh), rappresentante del Patriarcato di Mosca presso il Consiglio d'Europa, Lucas Koach, direttore dell'Office of International Justice Peace, lo scrittore e attivista Arnold Kohen. Alla successiva tavola rotonda in italiano, moderata da Guglielmo Gallone di Limes, sono intervenuti l'europarlamentare Francesca Donato, Mary T. Stronach, vice ministro generale dell'Ordine Francescano secolare, l'ambasciatore Carlo Trezza, il presidente di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi e Barbara Gallo della Rete italiana pace e disarmo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La sfida con l'energia eolica della Grecia nella prossima puntata di Euronews Witness

Moldova, timori per le influenze della Russia su presidenziali e referendum Ue

Haiti, l'allarme del Pam: in corso la peggiore crisi alimentare dal 2010