EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Morta per overdose, condannato chi le iniettò la dose letale

La sentenza in Appello ribalta l'assoluzione del primo grado
La sentenza in Appello ribalta l'assoluzione del primo grado
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRESCIA, 24 MAR - La Corte d'appello di Brescia ha ribaltato la sentenza di primo grado nei confronti di Michael Paloschi, colui che secondo la Procura aveva iniettato una dose di eroina a Francesca Manfredi, ventiquattrenne bresciana che morì di overdose nell'agosto del 2021 dopo una notte di eccessi. I giudici hanno condannato Paloschi a 7 anni e 4 mesi per omicidio preterintenzionale. Il sostituto procuratore generale aveva chiesto la condanna a dieci anni. In primo grado era stato invece assolto dall'accusa di omicidio preterintenzionale. Per i consulenti della Procura era stata letale una dose di eroina e per chi indagò, era stato proprio Paloschi ad iniettare la sostanza nel braccio della vittima che, hanno accertato gli esami post mortem, era alla prima dose della sua vita. Confermata l'assoluzione dal reato di omissione soccorso per Francesca Rinaldi, l'amica della vittima che era in casa la sera della morte di Francesca Manfredi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: crolla la terrazza di un ristorante a Maiorca, morti e feriti

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni

Carlo Acutis diventerà santo: è il primo millennial, considerato patrono di Internet