EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Sequestrati crediti bonus facciate per 9 milioni di euro

La guardia di finanza di Perugia scopre una presunta frode
La guardia di finanza di Perugia scopre una presunta frode
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 23 MAR - Un sequestro preventivo impeditivo dei crediti, presenti nei cassetti fiscali dei terzi cessionari, pari a 9 milioni e 241 mila 985 di euro è stato eseguito dalla guardia di finanza di Perugia nei confronti di tre società ed altrettante persone fisiche che risulterebbero coinvolte in una presunta frode relativa al "bonus facciate", consistente nella detrazione d'imposta delle spese sostenute, per interventi finalizzati al recupero o restauro degli esterni degli edifici. E' stata data così esecuzione a un decreto emesso dal gip del capoluogo umbro su richiesta della Procura. L'operazione parte dall'attività di analisi condotta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Perugia finalizzata anche a contrastare l'utilizzo distorto delle misure agevolative, previste dalla legislazione emergenziale. E' così emersa - si ricostruisce in una nota della Procura - la posizione di una società operante nel settore delle costruzioni, con sede legale a Perugia, ma riconducibile a soggetti di origine campana, che avrebbe acquisito la titolarità di crediti per gli investigatori artificiosamente creati, in parte, ancora presenti nel proprio cassetto fiscale, in parte, ceduti a soggetti terzi o ad intermediari finanziari e, quindi, monetizzati. La guardia di finanza ha portato alla luce quelle che sono definite evidenti incongruenze fiscali, economico e finanziarie, in capo ai soggetti che hanno generato i crediti e alla società cessionaria, risultata priva della struttura aziendale e di reale operatività, unitamente alle anomalie delle transazioni e dei dati inseriti nella piattaforma web di cessione dei crediti, oggetto anche di numerose segnalazioni di operazioni sospette ai sensi della normativa antiriciclaggio, e ritenuti "concreti e sufficienti" indizi dell'esistenza di uno strutturato meccanismo fraudolento. Il gip ha ritenuto la configurabilità delle ipotesi di reato di emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti e di truffa. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni

Iran in lutto per la morte di Raisi: migliaia di cittadini piangono il Presidente

49 dipendenti dei Musei contro il Vaticano per le condizioni di lavoro