Naufragio: don Ciotti, il problema è chi fa gli affari

'Gestiscono potere e commettono crimini'
'Gestiscono potere e commettono crimini'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 MAR - "Il problema non sono solo gli scafisti che hanno delle gravi responsabilità, il vero problema sono i mandanti, sono quelli che fanno gli affari, che gestiscono questo potere. Queste persone sono dei criminali, sono delle persone che commettono dei crimini". Così il presidente e fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, al corteo milanese in memoria delle vittime innocenti delle mafie, parlando del naufragio di Cutro, i cui defunti verranno ricordati oggi con la lettura dei nomi. "Tutti questi morti sono vittime di questa violenza criminale che ha facce e volti diversi. È giusto che noi ricordiamo tutte queste vittime, anche di Cutro, ma con loro tante altre vittime di questa forma di violenza. Fuggono dalle guerre, dai conflitti, dalla siccità, dalla povertà e noi li respingiamo. Sono deportazioni indotte - ha sottolineato don Ciotti -, non dimentichiamocelo. Abbiamo una responsabilità verso questi migranti e chi fa tutto questo non sono gli scafisti, ci sono i poteri forti con delle grandi responsabilità". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sbarco in Normandia, le spiagge del D-Day potrebbero entrare nel Patrimonio Unesco

Ucraina: due anni di guerra e di treni, l'importanza delle ferrovie ucraine

Guerra in Ucraina: trovato morto in Spagna il pilota russo disertore Maksim Kuzminov