EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Rocca, 'la situazione è drammatica, 22 miliardi di debito'

'Niente commissariamento della Sanità,ci sarà soluzione tecnica'
'Niente commissariamento della Sanità,ci sarà soluzione tecnica'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 MAR - La situazione finanziaria della Regione Lazio "è drammatica. La Corte dei Conti ha osservato che il debito è molto pesante e parliamo di 22 miliardi. E questo ridurrà il margine di manovra. Quindi occorre intervenire". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, intervenendo nella seduta del Consiglio regionale per la relazione programmatica di inizio mandato. "Il bilancio che approveremo nei prossimi giorni è tecnico. In questo momento la Regione è paralizzata perché in assenza del bilancio non si può fare alcuna spesa - ha aggiunto - . Dunque sarà sostanzialmente un bilancio fotocopia, poi nelle prossime settimane ci sarà un assestamento che vedrà variazioni di carattere politico con traiettorie chiare rispetto alle priorità di governo. Il bilancio è l'atto politico per eccellenza e sarà in primavera inoltrata". "Vi dico questo: noi siamo in piano di rientro e non cambia se c'è il commissario o meno. Non c'è una sanzione in può o in meno. C'è da affrontare con il governo il tema di sostenibilità di un debito, per poterlo affrontare e non rimanere schiacciati", ha poi chiarito Rocca rispondendo, ha margine della seduta del Consiglio regionale, a chi gli chiedeva se si rischia un commissariamento per la Sanità. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 27 maggio - Pomeridiane

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen

Frana in Papua Nuova Guinea, si cercano superstiti: almeno 670 morti e duemila sepolti dalle macerie