Scuola: 1 prof su 4 è precario,225mila posti a tempo determinato

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Tuttoscuola, altri 25 mila pensionamenti da settembre
Tuttoscuola, altri 25 mila pensionamenti da settembre

(ANSA) – ROMA, 12 MAR – Precariato scolastico fuori
controllo: dal 2015 c‘è un boom di posti assegnati a docenti
precari: +224%. Inevitabili gli effetti sugli studenti, in
particolar modo su quelli fragili, oltre che sulla vita dei
docenti, riconfermati di anno in anno, spesso in scuole diverse.
L’analisi arriva dalla rivista specializzata Tuttoscuola.
E dunque continua a salire da anni il numero di contratti a
tempo determinato, arrivato l’anno scorso al numero di 225 mila
su un totale di circa 900 mila posti di docente assegnati. Il
tasso di precarietà nella scuola italiana ha raggiunto quindi il
25%. Un docente su quattro è precario.
Come i suoi predecessori, anche il ministro dell’istruzione e
del merito, Giuseppe Valditara cerca una soluzione. E’ previsto
infatti un piano di reclutamento per 70 mila posti di docenza
per il 2024, di cui circa 20 mila per il prossimo settembre, e
in parte riservati ai docenti precari. Un piano imponente, ma,
data l’entità che il fenomeno ha raggiunto, può essere visto
solo come un primo passo. Infatti, dall’analisi dei dati
ufficiali pubblicati nel Portale scuole del ministero per il
2021/22 fatta da Tuttoscuola, quei 70 mila posti – ammesso che
alla fine vengano tutti coperti da vincitori dei prossimi
concorsi (come purtroppo non è avvenuto negli ultimi anni) -
copriranno meno di un terzo del fabbisogno.
I contratti a tempo determinato nella scuola si distinguono in
contratti annuali (12 mesi) o fino al termine delle attività
(giugno). Le 70 mila assunzioni copriranno a malapena i 67.467
posti registrati dal Portale e assegnati a precari con contratto
annuale su posti vacanti. Questo senza considerare che, nel
frattempo, circa altri 25mila posti rimarranno disponibili a
settembre a seguito dei pensionamenti. A questo gap si
aggiungono altri 157.461 posti coperti l’anno scorso da docenti
con contratto fino al 30 giugno.
A farne le spese saranno prima di tutto gli studenti,
soprattutto quelli con disabilità: nell’anno scolastico in corso
la percentuale di alunni con disabilità che si sono visti
cambiare l’insegnante di sostegno è salita addirittura al 59%.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.