Furto in ditta orafa dell'Aretino, ingente bottino

I ladri hanno agito nella notte con un'azione paramilitare
I ladri hanno agito nella notte con un'azione paramilitare
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LATERINA PERGINE VALDARNO (AREZZO, 10 MAR - Assalto nella notte alla ditta orafa Jessica di Ponticino, nel comune di Laterina Pergine Valdarno (Arezzo), dove i ladri sarebbero riusciti a mettere a segno un ingente bottino. Secondo una prima ricostruzione i ladri hanno attuato una vera e propria azione paramilitare. Prima hanno infatti tagliato un albero di grosse dimensioni nella strada che porta alla ditta per chiudere l'accesso, poi hanno sfondato con un'auto il cancello per passare poi al portone di ingresso dell'azienda. Successivamente sono entrati e hanno fatto saltare la cassaforte trafugando il materiale prezioso, prevalentemente argento, che era custodito all'interno. Il bottino sarebbe ingente. L'allarme è scattato intorno alle 2.30. L'azione è stata veloce compatibilmente con i tempi che servono. I ladri, segnalati dalle telecamere fisse collocate all'interno della struttura, erano tre, tutti con cappuccio. Le telecamere all'esterno erano state tutte rigirate. Le indagini sono affidate ai carabinieri che hanno svolto i primi rilievi. E' il terzo colpo in tempi relativamente brevi ad una azienda orafa. La tattica usata questa volta ha molte similitudini ad un colpo avvenuto 10 anni fa nella zona delle Volpaie, sempre a Pergine Valdarno, ai danni della ditta Salp. Anche in quel caso i banditi chiusero le vie d'accesso. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Scuole sotterranee in Ucraina: a Kharkiv bunker per le lezioni

La madre di Navalny denuncia le autorità russe: "Datemi la salma di mio figlio"