Giro di fatture false, 2 arresti e sequestro di 2,3 milioni

Coinvolte decine società 'cartiere' italiane ed estere
Coinvolte decine società 'cartiere' italiane ed estere
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CECINA (LIVORNO), 09 MAR - Oltre 2,3 milioni di euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Cecina (Livorno) nei confronti di due persone che sono stati poste agli arresti domiciliari per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. I provvedimenti cautelari, emessi dal gip presso il tribunale di Pistoia, riguardano indagini portate avanti tra il 2020 e il 2022 che hanno fatto emergere "un vorticoso giro di fatture false che ha coinvolti decine di società cosiddette 'cartiere' italiane ed estere, ubicate in Francia, Belgio, Ungheria ed Austria. Nel corso di diverse perquisizioni ed approfondimenti svolti nel tempo i finanzieri hanno rinvenuto diversi timbri e documenti falsi di società, utilizzati per attestare trasporti di merci in realtà mai avvenuti, riguardanti ingenti fittizie compravendite di materiale tessile. Complessivamente, l'Iva e l'Ires evase ammonterebbero ad oltre 2,3 milioni di euro nell'arco di un quinquennio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Due anni di guerra in Ucraina: "Ogni morto è come se fosse un familiare"

La polizia carica gli studenti a Pisa e Firenze: 5mila in piazza contro la violenza degli agenti

Anniversario della guerra in Ucraina, von der Leyen vola a Kiev. Presente anche Meloni per il G7