EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Uccisa in Pakistan, amico vittima: ho paura che mi ammazzino

In aula assenti gli imputati che in patria sono stati assolti
In aula assenti gli imputati che in patria sono stati assolti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRESCIA, 06 MAR - "Se vado in Pakistan mi fanno fuori. Se riescono a fare fuori la figlia figurati cosa possono fare a me. Hanno potere in patria. Ho paura per la mia vita dopo quello che ho detto". Sono queste le parole pronunciate da un amico della vittima davanti alla corte d'assise di Brescia durante il processo per l'omicidio di Sara Cheema, la 24enne con passaporto italiano che, secondo la Procura bresciana, è stata uccisa nel 2018 in patria dal padre e dal fratello per aver rinunciato alle nozze combinate. Il testimone ha riferito che Sana sapeva di dover andare in Pakistan per sposarsi ma che era sicura che se non avesse trovato la persona giusta sarebbe tornata a vivere a Brescia. "Chiedo di non mettere le mie foto sul giornale e di non fare il mio nome perché ho paura di essere ucciso quando vado in Pakistan" ha detto l'amico della ragazza. Anche in questa udienza non erano presenti gli imputati che in Pakistan sono stati assolti per mancanza di prove. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Europee 2024, dibattito candidati leader su bilancio, difesa comune e commercio con la Cina

Mandati d'arresto per Netanyahu e Gallant, l'Unione europea si divide

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera