Morì dopo pestaggio: ragazzo, sono dispiaciuto

Ammette di avere partecipato ma con ruolo marginale
Ammette di avere partecipato ma con ruolo marginale
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 06 MAR - Ha detto di essere "dispiaciuto e pentito" per quanto successo e di avere avuto un ruolo più marginale, che i suoi colpi sono stati "meno violenti". È la sintesi dell'interrogatorio di garanzia di Daniel Borsi, lo studente di 19 anni ai domiciliari da giovedì per l'omicidio preterintenzionale dell'ingegnere informatico Servio Faveto. L'uomo era stato massacrato a Molassana da Borsi e un ragazzo di 17 anni perché lo avevano scambiato per pedofilo ed era morto un mese e mezzo dopo in ospedale a causa delle lesioni subite. Il ragazzo, difeso dagli avvocati Simone Vernazza e Matteo Mezzapesa, ha parlato per mezz'ora davanti al gip: ha ammesso di avere preso parte al pestaggio ma con un ruolo marginale rispetto al minorenne. Borsi resterà ai domiciliari. I suoi legali al momento non hanno chiesto alcuna revoca o attenuazione della misura cautelare. Prima dell'interrogatorio di garanzia, i carabinieri hanno depositato, al pubblico ministero Paola Calleri, una nuova informativa con le testimonianze di altri ragazzi che hanno assistito alla scena. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco