Intergruppo donne lancia pdl per contrasto a molestie sessuali

Stop a baci e abbracci indesiderati
Stop a baci e abbracci indesiderati
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 06 MAR - "In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, l'Intergruppo della Camera per le Donne, i Diritti e le Pari opportunità coordinato da Laura Boldrini ha depositato oggi una proposta di legge che ha l'obiettivo di introdurre nel nostro ordinamento una nuova fattispecie di reato: quello di molestie sessuali, comportamenti illeciti che attualmente assumono rilevanza penale solo quando sono commessi "con abuso di autorità", venendo perciò collegati al reato di violenza sessuale". È quanto si legge in una nota dell'Intergruppo della Camera per le Donne, i Diritti e le Pari opportunità, a proposito della PDL sottoscritta dalle deputate e dai deputati: Laura Boldrini, Stefania Ascari, Ouidad Bakkali, Andrea Casu, Michela Di Biase, Sara Ferrari, Antonella Forattini, Marco Furfaro, Renate Gebhard, Valentina Ghio, Francesa Ghirra, Chiara Gribaudo, Marco Grimaldi, Maria Cecilia Guerra, Ilenia Malavasi, Maria Stefania Marino, Federica Onori, Emma Pavanelli, Lia Quartapelle, Silvia Roggiani, Debora Serracchiani, Alessandro Zan, Luana Zanella. "Si tratta di un fenomeno pervasivo - spiega la nota -e purtroppo assai diffuso, non soltanto in Italia. Già nel 2014 un'indagine svolta dall'Agenzia dell'Unione Europea per i Diritti Fondamentali ha rivelato che dall'età di quindici anni una donna su cinque ha subìto molestie in forma di contatto fisico, abbracci o baci indesiderati. Nel nostro Paese, una donna su due è stata vittima di una qualche forma di molestia fisica o di ricatto sessuale sul lavoro. Ma il dato che fa più impressione è un altro: nell'81 per cento dei casi le vittime non sporgono querela perché temono di non essere credute e di andare incontro a conseguenze negative, per esempio essere licenziate. Nella PDL dell'Intergruppo, il reato di molestie è punito con la pena della reclusione da due a quattro anni, mentre viene fissato a 36 mesi il termine per presentare la querela. La proposta di legge ha inoltre un secondo obiettivo: quello di estendere dagli attuali 12 a 36 mesi il limite per la presentazione della querela per quanto riguarda il reato di violenza sessuale". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, un anno di guerra: donatori a Parigi, Germania promette milioni di aiuti

Le notizie del giorno | 15 aprile - Serale

Portogallo, i giovani votano destra: il peso del partito Chega! verso le elezioni europee