EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cardinale Zuppi ricorda Dalla, ha riempito la vita di sogni

Tributo dell'arcivescovo di Bologna sull'Osservatore Romano
Tributo dell'arcivescovo di Bologna sull'Osservatore Romano
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 04 MAR - "Lucio Dalla ha saputo riempire di sogni la vita di chi ne aveva pochi. In fondo ero anche io, giovane, quell'amico cui scrisse 'per distrarsi un po''. Anche a me preoccupava tanto che si vivesse 'con i sacchi di sabbia alla finestra' e che 'si uscisse poco la sera (compreso quando è festa)'. Lo abbiamo vissuto fisicamente con la pandemia e qualche volta rischiamo di restare a casa e non sapere fare più festa anche adesso". Così il cardinale di Bologna e presidente della Cei, Matteo Zuppi, ricorda Lucio Dalla. Citando ancora i versi del cantautore, l'arcivescovo scrive sull'Osservatore Romano: "Caro amico ti scrivo, e ringrazio Dio perché il 4 marzo 'un dono di amore' ha reso più pieno di stelle il mondo e ci ha aiutato a vederle. Grazie, caro amico, perché dicevi che Dio più che una ricerca è una presenza e lo sentivi nelle cose della vita, nel lavoro, negli esseri umani, nel fatto che c'è il sole la mattina e la luna di notte. Caro amico dicesti che cercavi, a volte non coerentemente come me, di vivere da cristiano. E hai cercato di interpretare l'aspetto di Dio più legato agli uomini, quindi, per forza di cose, legato a Lui". "Caro amico, il mondo intorno di sacchi di sabbia ne ha cominciato a metterne di nuovi e a volte vuole costruire muri e scavare trincee per seppellire l'amore. Caro amico, che hai vissuto 'in maniera laica senza dimenticare di essere credente' e che dicevi che 'sotto ogni forma d'arte c'è Dio e l'arte stessa è un dono divino che unisce la gente e la fa vibrare' ti scrivo che ti ringrazio adesso che sono vecchio ma continuo a cercare l'anno e l'uomo che verrà, per continuare a sperare, perché ci fa contenti in questo momento, cioè per sempre. Grazie, auguri caro amico", conclude Zuppi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Calcio, il francese Kylian Mbappé mette in guardia dagli estremismi prima delle elezioni

Festa per l'Eid al-Adha: migliaia di pellegrini musulmani celebrano i riti finali dell'Hajj

Riportate tutti a casa: Migliaia di persone a Tel Aviv chiedono il rilascio degli ostaggi di Hamas