Detenuto evaso: l'inchiesta passa alla Dda di Cagliari

Caccia al boss pugliese, potrebbe aver già lasciato la Sardegna
Caccia al boss pugliese, potrebbe aver già lasciato la Sardegna
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 03 MAR - E' passata dalla Procura di Nuoro ai magistrati della Dda di Cagliari l'inchiesta sulla clamorosa evasione dal carcere nuorese di Badu 'e Carros di Marco Raduano, il boss della mafia garganica, in fuga ormai da una settimana. Come riporta il quotidiano L'Unione Sarda, il procuratore di Cagliari Rodolfo Sabelli si è fatto trasmettere tutti gli atti di un'indagine che si allarga e sarà seguita dal sostituto dell'Antimafia Emanuele Secci. Lo stesso Sabelli ieri ha convocato a Cagliari un vertice delle forze dell'ordine per fare il punto della situazione. Il primo a pagare per l'evasione è stato il comandante degli agenti di Badu 'e Carros, Francesco Dessì, rimosso dall'incarico. Da lunedì prossimo il carcere di Nuoro avrà un nuovo comandante, il dirigente di Polizia penitenziaria Amerigo Fusco, attualmente comandante della Casa di reclusione di Milano Opera. E prosegue la caccia all'evaso: si valutano tutte le immagini dei circuiti esterni al carcere nuorese, tabulati telefonici, e una mole di dati già in mano agli inquirenti, ma soprattutto - come riporta l'Unione Sarda - si ha la convinzione che il boss pugliese, con complicità importanti, sia riuscito ad organizzare in maniera quasi perfetta la sua fuga e non sarebbe più in Sardegna già dalla notte di venerdì. Quelle due ore di vantaggio, evidentemente pianificate, potrebbero essere bastate a Raduano per abbandonare l'Isola e affidarsi alle complicità del suo clan. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Roma, allerta per la sicurezza. L'ambasciatore israeliano: "Minacce anche in Italia"

Zaporizhzhia probabilmente non salterà in aria, ma l’Europa è comunque pronta al peggio

Le notizie del giorno | 15 aprile - Pomeridiane