8 marzo: campagna istituzionale dedicata a Mahsa Amini

#Ilcoraggioèdonna, spot su reti Rai e social
#Ilcoraggioèdonna, spot su reti Rai e social
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 03 MAR - Promossa dalla ministra Roccella e realizzata dal Dipartimento guidato dal Sottosegretario Barachini, prevede la diffusione di #Ilcoraggioèdonna. Dal 6 marzo andrà in onda sulle reti Rai, radio e tv, e sui social, lo spot promosso dalla Ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità Eugenia Roccella, ideato e realizzato dal Dipartimento per l'informazione e l'editoria guidato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alberto Barachini. La campagna di comunicazione istituzionale, #ilcoraggioèdonna, celebra la Giornata Internazionale dei diritti della Donna, dedicando questo 8 marzo a Mahsa Amini, morta in Iran dopo essere stata arrestata per aver indossato il velo in modo "non corretto", e a tutte le donne che lottano per vedere riconosciuti e rispettati i propri diritti fondamentali. "Essere libere - recita la voce di Pegah Moshir Pour - vuol dire poter studiare e decidere chi diventare. Poter uscire di casa con i capelli scoperti senza paura di essere arrestate o di perdere la vita. Avere l'opportunità di guadagnarsi da vivere e veder riconosciuto, equamente, il proprio lavoro. Vuol dire scegliere di costruire una famiglia in pace, lontano dalla violenza e dalla guerra. Il coraggio è donna come la libertà". Lucana di origini iraniane, Pegah Moshir Pour è un'attivista e content creator. Il suo nome è diventato popolare cinque mesi fa, quando, dopo la morte di Masha Amini, in Iran sono esplose delle proteste senza precedenti. Quando aveva 9 anni, Pegah è stata costretta a lasciare Teheran per arrivare in Basilicata assieme alla sua famiglia. In quegli anni, le violenze e la repressione del regime islamico si fecero fortissime, al punto da indurre diverse famiglie a scappare dal paese. Per questa ragione oggi la sua voce è tutta a sostegno delle proteste delle donne e degli uomini, esplose dopo la morte di Masha Amini. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, nuovi attacchi degli Houthi a navi da guerra e a una petroliera Usa

Elezioni legislative in Bielorussia, l'opposizione chiede di boicottare il voto

Berlinale: il documentario Dahomey vince l'Orso d'Oro