EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Figlia nell'Isis, negata la cittadinanza italiana al padre

E' il genitore di Meriem, fuggita nel 2015 in Siria
E' il genitore di Meriem, fuggita nel 2015 in Siria
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 02 MAR - Il Viminale ha negato la richiesta di cittadinanza italiana a Redouane Rehaily, cittadino di origine marocchine e regolarmente occupato in Italia, ma genitore di Meriem, fuggita da Arzergrande (Padova) a 19 anni per andare a combattere in Siria con lo Stato Islamico. Lo ha riferito lo stesso Rehaily, in un'intervista ai quotidiani veneti del gruppo Gedi. La decisione è stata confermata anche dal Tar del Lazio, cui l'uomo aveva fatto ricorso, motivando che il diniego è stato fatto "sulla base di elementi che non consentirebbero di escludere possibili pericoli per la sicurezza della Repubblica". Attualmente la sua condizione è di lungosoggiornante, dotato di Carta di soggiorno senza limiti rilasciata nel 2012, padre di famiglia, con lavoro e casa di proprietà. "Io non ho fatto niente - ha dichiarato l'operaio -. Ho sempre collaborato con i carabinieri, sono una brava persona e un onesto lavoratore. Questa è davvero un'ingiustizia". Meriem lasciò nel 2015 la famiglia e la scuola per arruolarsi nell'Isis; è stata avvistata nel 2018 nel campo di Roj in Siria, ed è stata condannata in contumacia a quattro anni per terrorismo. La richiesta di cittadinanza del padre è del 2017; il primo diniego è del 15 febbraio 2022. Redouane Rehaily non ha mai approvato la scelta della figlia né l'ideologia dell'Isis, e tantomeno azioni di terrorismo in Italia o nel resto dell'Occidente. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia: Erdogan allenta il disegno di legge contro i cani randagi, 4mila a rischio soppressione

Ondata di caldo estremo in Europa meridionale, da bollino rosso 14 città italiane

Stati Uniti, il presidente Joe Biden positivo al Covid-19: sintomi lievi e autoisolamento