Emanuele Petri ricordato dal suo paese

Sovrintendente polizia ucciso in arresto nuove Brigate rosse
Sovrintendente polizia ucciso in arresto nuove Brigate rosse
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TUORO SUL TRASIMENO (PERUGIA), 02 MAR - A 20 anni dal suo omicidio Tuoro sul Trasimeno ha ricordato Emanuele Petri, il sovrintendente capo della polizia di Stato ucciso in un conflitto a fuoco con le cosiddette nuove brigate rosse. In un intervento che portò all'arresto di Nadia Desdemona Lioce e al sequestro di materiale risultato decisivo per le indagini. A Tuoro, il centro umbro del quale era originario, Petri è stato ricordato dal capo della polizia Lamberto Giannini e dai sottosegretari all'Interno Emanuele Prisco e Nicola Molteni. Cerimonia che si è svolta alla presenza della vedova di Petri, Alma, del figlio Angelo e dei loro familiari. Presenti anche il prefetto Franco Gabrielli, il vicepresidente della Regione Umbria Roberto Morroni e il procuratore generale Sergio Sottani. Al teatro dell'Accademia di Tuoro è stato presentato il volume "Un poliziotto di nome Lele" dedicato alla storia e alla memoria del sovrintendente insignito della Medaglia d'oro al Valor civile. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nigeria: dieci anni fa il rapimento di 276 studentesse da parte di Boko Haram

Ungheria, la candidata della sinistra chiede elezioni anticipate: La gente non vuole più Orbán

Gaza, migliaia di sfollati palestinesi in marcia verso il Nord: "Vogliamo tornare a casa"