Covid:legale Fontana, in 'banchetto' indagati senza notifica

'Hanno messo lo sporco sotto il tappeto ma ora salta fuori'
'Hanno messo lo sporco sotto il tappeto ma ora salta fuori'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 01 MAR - "Non avevamo il minimo segnale di partecipare al 'banchetto' degli indagati. Fontana era stato sentito come persona informata sui fatti e da allora silenzio assoluto". E' il commento dell'avvocato Jacopo Pensa, legale di Attilio Fontana, alla chiusura dell'inchiesta della Procura di Bergamo sulla gestione della pandemia di Covid, che vede tra gli indagati anche il presidente della Lombardia. Oggi, aggiunge il legale, "apprendiamo prima dai media e senza alcuna notifica formale di essere tra gli indagati". E ancora: "Prendiamo atto - spiega il difensore - che la Procura di Bergamo ha sottolineato che la conclusione delle indagini non è un atto di accusa. Vedremo, vedremo. Non è neanche un atto di difesa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi

Canarie: proteste sulle isole contro il turismo di massa

Guerra a Gaza: almeno nove morti a Rafah, combattimenti in Cisgiordania