Ritoccò voto di laurea per supplenza, professore a processo

Davanti al Tribunale di Ravenna, accusato di falso
Davanti al Tribunale di Ravenna, accusato di falso
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - RAVENNA, 25 FEB - Il voto di laurea ritoccato per potersi aggiudicare una supplenza al liceo scientifico di Ravenna. È l'accusa per la quale un 45enne di Avella, in provincia di Avellino, è finito a processo per falso. Nel dibattimento, partito ieri mattina davanti al Tribunale della città romagnola, ha testimoniato l'allora dirigente scolastico riferendo come - secondo quanto riportato dai due quotidiani locali - avesse scoperto la differenza tra il voto di laurea dichiarato (103) e quello effettivo (83) all'Università Federico II di Napoli, controllando le autocertificazioni attestate dall'imputato per l'inserimento nelle graduatorie scolastiche tra l'agosto e l'ottobre 2020. Il ritocco aveva consentito al candidato di fare un balzo di 30 posizioni in graduatoria aggiudicandosi la supplenza. Secondo quanto riferito, alla procedura si poteva accedere solo con credenziali o tramite spid. In merito, l'imputato, ieri in aula, ha spiegato di non essere mai stato bravo in tali procedure e di avere per questo chiesto a un collega a cui a suo dire lasciò i suoi codici di accesso per inoltrare la domanda per lui. Quindi, quando giunse il decreto penale di condanna, lui si oppose, finendo così a processo, per dimostrare la sua buona fede nell'accaduto. La vicenda determinò la risoluzione del contratto con la scuola ravennate. Il collega dell'imputato, anche lui dell'Avellinese, ha riferito di essersi in effetti confuso. La sentenza è attesa per settembre. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, salgono a dieci le vittime nell'attacco russo a un condominio di Odessa

Germania: due arresti a Berlino, si cercano i latitanti della Raf

Pakistan, Sharif nuovo primo ministro tra le contestazioni dell'ex premier Imran Khan