Meteo: arriva la 'lupa di mare', aerei dirottati da Catania

Fitta nebbia sulla città, otto voli atterrati a Comiso e Palermo
Fitta nebbia sulla città, otto voli atterrati a Comiso e Palermo
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SIRACUSA, 25 FEB - E la Sicilia orientale, ma sembra la Val Padana, con la nebbia avvolgente della 'lupa di mare'. E' un fenomeno che si origina quando "una massa d'aria calda e umida scorre su una superficie marina caratterizzata da temperature fredde". Ed è una nebbia così fitta da costringere l'aeroporto di Catania a dirottare otto voli in arrivo in altri due scali: cinque a Comiso e tre a Palermo. E il cambio della sede di atterraggio crea inevitabili ritardi anche nelle partenze. I voli dirottati a Comiso sono quelli della Ryanair provenienti da Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Napoli e Verona. A Palermo sono atterrati gli aeri diretti a Catania che erano decollati da Bergamo (Ryanair), da Napoli (easyJet) e da Colonia (Euroswing). I dati emergono dal tabellone online del sito della Sac, la società che gestisce l'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini. Problemi anche in mare dove la Capitaneria di porto di Siracusa ha dovuto soccorrere due diportisti che si era ritrovati di una imponente 'lupa di mare' che ha provocato loro una perdita del senso dell'orientamento e di conseguenza la possibilità di navigare. La motovedetta CP764 è intervenuta dopo la loro richiesta di auto e li ha ritrovati e ricondotti in porto in condizioni di massima sicurezza. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya, il capo delle forze armate muore in uno schianto in elicottero: tre giorni di lutto

Polonia: arrestati due sospettati per l'attacco a Leonid Volkov, capo dello staff di Navalny

Guerra in Ucraina: precipita un bombardiere russo, per Mosca è guasto tecnico ma Kiev rivendica