Dal Colle l'onorificenza per il caffè delle recluse di Pozzuoli

Insignita fondatrice torrefazione in carcere,'lavoro e riscatto'
Insignita fondatrice torrefazione in carcere,'lavoro e riscatto'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 25 FEB - Creare una torrefazione nel carcere femminile di Pozzuoli, per offrire un'occasione di lavoro e riscatto alle detenute. E' diventata un'esperienza vincente quella varata dodici anni fa da Imma Carpiniello, fondatrice della coop sociale il cui successo ha prodotto anche la nascita di un bar-bistrot nel cuore di Napoli: un'esperienza che rientra tra quelle cui oggi il Capo dello Stato ha conferito le onorificenze al Merito della Repubblica. Tra gli insigniti c'è, appunto, Imma. Dodici anni fa c'era chi la additava come una visionaria, per l'idea di produrre caffè di qualità,secondo l'antica tradizione partenopea, in un carcere. Oggi la sua cooperativa, "Le Lazzarelle", realizza 10 quintali di caffè in un anno: il prodotto è apprezzato e venduto soprattutto sul web, e può essere degustato nel locale che Imma è riuscita ad aprire nel 2020, con alcune socie della coop e il contributo di volontari, nella Galleria Principe di Napoli, in pieno centro cittadino. Qui si gustano varie specialità 'tipiche' (dalla lasagna al timballo di orecchiette con funghi, patate e caciocavallo) oltre al notissimo caffè, che oggi è andato letteralmente a ruba dopo che i media hanno diffuso la notizia dell'onorificenza. Imma, 49 anni, entrò in contatto con la realtà carceraria nell'ambito del suo impegno con il terzo settore. Laureata in scienze politiche, con un master in politiche di genere e diritti umani, sognava un percorso di formazione che avviasse le detenute al circuito della legalità, all'interno di un'impresa che offrisse al mercato "un prodotto artigianale, etico e legato al territorio". Superate le inevitabili difficoltà, anche grazie a un finanziamento della Regione Campania nell'ambito del sostegno alle start-up, la cooperativa nasce. Sono le stesse prime dieci detenute aderenti a scegliere il nome "Le Lazzarelle", e in dodici anni hanno lavorato alla torrefazione ben 72 recluse. Il caffè a Napoli è da sempre un toccasana, ma quello delle Lazzarelle ha un gusto davvero speciale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue