EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ex compagno Bergamini, non ho pensato si fosse suicidato

Sentiti in Corte d'assise a Cosenza ex calciatori del Cosenza
Sentiti in Corte d'assise a Cosenza ex calciatori del Cosenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - COSENZA, 24 FEB - Due ex compagni di squadra di Donato "Denis" Bergamini, sono stati sentiti oggi nel processo in corte d'assise a Cosenza nel processo a carico dell'ex fidanzata del calciatore del Cosenza, di Argenta (Ferrara), morto il 18 novembre del 1989 a Roseto Capo Spulico. La donna, imputata per omicidio volontario in concorso con ignoti, è difesa dagli avvocati Angelo Pugliese e Rossana Cribari. "Conoscevo Bergamini perché eravamo compagni di squadra - ha detto Nicola Di Leo, di 63 anni, al Cosenza nella stagione 1989/1990 - ma la mia conoscenza è stata prevalentemente 'di campo' perché non frequentavo i compagni al di fuori. Certamente era un calciatore eccezionale". Gianluca Presicci, di 58 anni, che ha giocato tre anni nel Cosenza, aveva, invece, una conoscenza anche fuori dal campo con Bergamini. "Avevo un rapporto splendido con Donato - ha raccontato - e ho conosciuto anche Isabella Internò. In quel periodo ero fidanzato con la mia attuale moglie e qualche volta siamo usciti tutti insieme. Denis era un ragazzo brillante, serio, per bene sotto ogni punto di vista. Il nostro unico pensiero era fare la miglior carriera possibile, eravamo un gruppo giovane ma inquadrato, vivevamo per il calcio. Ero a Modena quando Denis è morto. Non ho pensato che fosse stato un suicidio, perché non c'è mai stato alcun segnale in questa direzione". Per la Parte civile, rappresenta dall'avvocato Fabio Anselmo, si è trattato di un'udienza "importante perché i testi hanno confermato quanto reso da altri compagni di squadra in merito al carattere di Denis. Si tratta di testimonianze precise che cristallizzano circostanze che non credo possano essere più messe in discussione". Nel corso dell'udienza la Corte ha deciso di acquisire le dichiarazioni già rese da Maria Zerbini, madre di Denis, a causa delle sue compromesse condizioni di salute. La prossima udienza è stata fissata per mercoledì 8 marzo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico