Percepivano reddito cittadinanza illecitamente, 60 denunce

Scoperti dai carabinieri nel crotonese, 14 condannati per mafia
Scoperti dai carabinieri nel crotonese, 14 condannati per mafia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ISOLA DI CAPO RIZZUTO, 22 FEB - Sessanta persone, 14 delle quali condannate in passato per associazione mafiosa e allo stato libere, sono state denunciate dai carabinieri nel crotonese per avere percepito il reddito di cittadinanza senza averne titolo. Il danno a carico dell'Inps è stato stimato in 688.911 euro. I carabinieri della Compagnia di Crotone, e in particolare della Tenenza di Isola Capo Rizzuto, coadiuvati nelle attività di analisi dal Nucleo ispettorato del lavoro dei Carabinieri, hanno denunciato i 60 alle Procure di Crotone e Catanzaro per false dichiarazioni e false attestazioni. Le indagini hanno preso avvio ad aprile 2022 quando, durante l'emergenza Covid, nel corso di alcune verifiche in esercizi commerciali, i militari hanno accertato la presenza di lavoratori che, non regolarmente assunti, risultavano invece percettori del reddito. Sono stati pertanto acquisiti dati di riscontro che hanno consentito agli investigatori di appurare un ingente quantitativo di nominativi, tutti residenti a Isola Capo Rizzuto, beneficiari dello stesso sussidio. Tutte le posizioni sono state analizzate singolarmente in ogni documentazione e presupposto personale ad origine del beneficio concesso e, nei casi accertati, è risultata l'elusione della normativa con la presentazione di false attestazione e/o omettendo dati di interesse personale. In particolare, è emerso che 10 indagati risultavano essere sottoposti a misure cautelari in atto e altri 14 condannati per associazione mafiosa. Venticinque extracomunitari, invece, percepivano il reddito senza avere mai avuto la residenza in Italia e altri 4 soggetti lavoravano in nero. I carabinieri hanno anche denunciato alcuni individui che avevano omesso di comunicare consistenti patrimoni intestati a loro e ai loro prossimi congiunti. Emblematico al riguardo, il caso di un indagato che è stato accertato possieda un patrimonio immobiliare di circa un milione e mezzo di euro. All'Inps è stata avanzata richiesta di revoca del beneficio agli indagati, ai quali è stato notificato l'avviso di conclusione indagini preliminari della Procura della Repubblica di Crotone. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, l'opposizione: "Orbán spende i soldi pubblici in campagne di diffamazione"

Gaza, contati 283 corpi nella fossa comune all'ospedale Nasser di Khan Younis

Rapporto sull'Unrwa: Israele non ha fornito prove di legami con con Hamas