Esercito e droni in Sardegna contro invasione di cavallette

Il prefetto di Nuoro: "dal 2017 danni ogni estate per 20-25mln"
Il prefetto di Nuoro: "dal 2017 danni ogni estate per 20-25mln"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 22 FEB - "Il vertice di oggi sarà l'occasione per programmare un intervento che debelli le cavallette nel centro Sardegna, un'emergenza sociale ed economica che dal 2017 mette in ginocchio coltivatori e allevatori. Siamo pronti a schierare l'Esercito prima che il malcontento si trasformi in emergenza sul fronte della sicurezza pubblica". Il prefetto di Nuoro, Giancarlo Dionisi, ha le idee chiare su come affrontare la piaga delle locuste nell'Isola: nel 2022 furono ben 60mila gli ettari interessati dall'invasione e quest'anno si rischia di raggiungere i 100mila ettari qualora il fenomeno non venga governato con la dovuta precisione. Ecco che entrano quindi in gioco le disinfestazioni mirate, anche attraverso l'uso dei droni per individuare le zone focolaio e quelle di rientro notturno degli insetti. Sull'uso dei droni nelle operazioni agro-sanitarie sarà però necessario ottenere le deroghe governative. Dionisi ha convocato per le 13.30 un tavolo tecnico con gli assessori regionali all'Agricoltura e all'Ambiente, Valeria Satta e Marco Porcu, i vertici della Brigata Sassari, le agenzie Laore e Forestas, la Provincia di Nuoro, i vigili del fuoco e i sindaci del territorio. Un incontro propedeutico agli interventi sul campo per cui la Regione impiegherà 185 uomini a cui si aggiungeranno quelli della Protezione civile e le squadre dell'Esercito."Ho ritenuto indispensabile coinvolgere l'Esercito, dobbiamo invertire il trend negativo che dal 2017 produce danni stimati per ogni estate in 20/25 milioni - spiega all'ANSA il prefetto - Ci sono famiglie in ginocchio in un'area che interessa 26 paesi. Ho già parlato con il comandante della Sassari Giuseppe Bossa che mi ha dato la disponibilità a intervenire. Il resto lo deve fare la Regione, mettendoci propri uomini e risorse economiche". Dal mondo delle campagne arriva il plauso per la task force messa in campo. "Ci vuole un gabinetto di guerra per intervenire: fra poche settimane - avverte il presidente di Confagricolture Paolo Mele - la schiusa delle larve potrebbe generare problemi di ordine pubblico nel Nuorese, nell'alto Oristanese e nel Sassarese". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese