Crollo Università Cagliari,'solaio già sovraccarico nel '76'

Depositata la perizia in Procura sulle cause del cedimento
Depositata la perizia in Procura sulle cause del cedimento
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 22 FEB - Il crollo di un'aula dell'Università di Cagliari non fu determinato dal peso dell'impianto di climatizzazione, ma dal suo ribaltamento su un solaio già sovraccaricato in maniera eccessiva nel 1976, quando venne rifatto il pavimento senza demolire quello esistente. È quanto emerge - come riporta il quotidiano L'Unione Sarda - dalla perizia depositata alla Procura di Cagliari dall'ingegnera Cristina Onnis sul crollo avvenuto lo scorso 18 ottobre nel polo umanistico di Sa Duchessa. Secondo la consulenza del perito, l'edificio era alimentato da un impianto di climatizzazione aria-acqua, e le unità interne erano collegate a quella esterna attraverso un'unica tubazione che aveva il compito di convogliare l'acqua per il riscaldamento. "Una pompa di calore si stacca e trascina quella a fianco e poi l'altra ancora, fino a portarsi dietro l'unità esterna. A questo punto la macchina si ribalta e colpisce un travetto che cede", si legge nella relazione tecnica dell'ing. Onnis. Si è creato così un effetto domino terminato con il crollo dell'edificio, fortunatamente avvenuto nella notte e dunque quando le aule erano vuote. "A causa del cedimento di un travetto, evento di per sé non così funesto, si è generato un crollo sproporzionato e progressivo che ha determinato il cedimento di tutto il solaio che si è adagiato come una tovaglia su quello sottostante", riporta la perizia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chiusi nuovi valichi tra Lituania e Bielorussia

Finlandia, Alexander Stubb è il 13° presidente: "Nuova era per il Paese"

Addio a Iris Apfel: icona della moda che ha lasciato il segno anche alla Casa Bianca