Approvato dl Ex Ilva al Senato con 78 sì, ora passa alla Camera

Prestito ponte di 680 milioni ad Acciaierie d'Italia
Prestito ponte di 680 milioni ad Acciaierie d'Italia
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Con 78 voti favorevoli, 57 contrari e 7 astenuti l'aula del Senato ha approvato il decreto che introduce misure urgenti per gli impianti di interesse strategico nazionale, anche noto come ex Ilva. Il provvedimento passa alla Camera per l'approvazione definitiva e va convertito in legge entro il 6 marzo. Il decreto, varato il 5 gennaio scorso, permette di trasferire 680 milioni ad Acciaierie d'Italia (è il nome del nuovo impianto di Taranto), un prestito ponte per coprire i debiti ed evitare di portare i libri in tribunale, oltre a sostegni a favore di altre aziende strategiche. Viene quindi instaurato una sorta di 'scudo' che impedirà, da parte dell'autorità giudiziaria, "sanzioni interdittive" che pregiudichino la "continuità dell'attività" svolta negli stabilimenti considerati di interesse strategico nazionale. Lo 'scudo' scatterà solo se saranno eliminate "le carenze organizzative" che hanno determinato il reato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, aumentano gli aiuti umanitari ma preoccupa la crisi idrica

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Le notizie del giorno | 12 aprile - Serale