Troisi: rettore Federico II, uno dei nostri figli piu' cari

A Napoli la laurea alla memoria
A Napoli la laurea alla memoria
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 20 FEB - L'Università degli Studi di Napoli Federico II conferisce, questa mattina, la laurea magistrale honoris causa alla memoria a Massimo Troisi in 'Discipline della Musica e dello Spettacolo. Storia e Teoria'. I meriti umani e professionali del compianto artista, che ieri avrebbe compiuto 70 anni, vengono ricordati nel corso di una cerimonia nel Complesso dei Santi Marcellino e Festo, a largo San Marcellino a Napoli. "Il contributo di Massimo Troisi da oggi ha anche un valore accademico" ha detto il rettore della Federico II Matteo Lorito. "Noi riconosciamo non solo il suo talento ma anche il contributo che ha dato alla drammaturgia e alla storia del teatro napoletano. Lui era un grande innovatore, lui sarebbe stato capace di insegnare nel nostro corso di Drammaturgia affascinando studenti e docenti perché era un uomo che aveva idee chiare e sapeva essere leggero e triste allo stesso tempo" Lorito ha aggiunto: "Un uomo che e' stato una grande icona specialmente per chi come noi in quel periodo aveva venti anni. Si impersonificava in maniera molto chiara nei personaggi di Massimo che poi erano Massimo. Oggi la Federico II gli riconosce questa grandezza: lo fa con la famiglia e lo fa in modo che Massimo da oggi sara' uno dei nostri figli più cari" . Nel corso della cerimonia seguiranno testimonianze di amici e collegi, persone che hanno condiviso percorsi professionali e rapporti di amicizia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia