Bonaccini, se vinco gestirò il partito in modo unitario

Appena ci sarà risultato parlerò con Cuperlo e De Micheli
Appena ci sarà risultato parlerò con Cuperlo e De Micheli
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 17 FEB - Se mi sento di avere già la vittoria in tasca? "Assolutamente no: non l'ho mai detto quando ho combattuto altre battaglie, in cui pure ero piazzato bene, e non lo dirò mai. Tanto meno oggi, che il risultato definitivo non è ancora acquisito! Per ora ho raccolto la maggioranza assoluta tra gli iscritti, il che è un risultato che considero molto bello e molto importante. Ma bisogna ancora aspettare il dato dei gazebo. Si decide lì". Lo afferma Stefano Bonaccini, candidato alla segreteria del Pd in un'intervista a The Post International. Parlando delle alleanze, il governatore dell'Emilia Romagna aggiunge: "Le alleanze si fanno in due. Vedremo cosa vogliono fare Gianni e Paola. In passato ho sempre lavorato per tenere unito il partito. Se per loro la mia proposta politica fosse apprezzabile, sarebbe un segnale importante. Mi farebbe piacere incontrarli, se vorranno. Sono uno che non ha difficoltà a fare alleanze, ma sui programmi e le idee: e se dipendesse da me mi farebbe piacere avere una doppia convergenza sia con Paola che con Gianni. Non è detto che si trovino le ragioni per convergere, ma io ci voglio provare. Se vincerò, vorrò gestire il partito nel mondo più unitario possibile. Nessuno si deve sentire escluso, basta con le guerre fratricide. L'avversario è fuori". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, Hamas rifiuta la proposta israeliana di cessate il fuoco e difende Teheran: Attacco meritato

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Al via Vinitaly: oltre 4mila cantine presenti, Lollobrigida contestato