Ruby ter: Mulè, assoluzione dovuta a cavallo più che cavillo

Non si interrogano i testimoni in assenza del proprio avvocato
Non si interrogano i testimoni in assenza del proprio avvocato
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 FEB - "Chi parla di cavillo giuridico che ha portato all'assoluzione di Silvio Berlusconi dovrebbe piuttosto parlare di cavallo vista l'enormità della questione". Lo afferma Giorgio Mulè, vicepresidente della Camera e parlamentare di Forza Italia, nel corso della trasmissione Agorà, parlando dell'assoluzione di Silvio Berlusconi da parte del tribunale di Milano nell'ambito del processo Ruby Ter. Il deputato 'forzista' sottolinea che: "Il pubblico ministero che interroga dei testimoni in assenza del proprio avvocato vìola uno dei principi cardine del nostro diritto: non è un cavillo, è civiltà giuridica". "Infatti, queste cose - prosegue Mulè - sono state valutate in dibattimento e i giudici hanno tratto serenamente la conclusioni che hanno portato alla assoluzione di Silvio Berlusconi perchè 'il fatto non sussiste'". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso: nave italiana abbatte un drone degli Houthi, preoccupa la Rubymar

Stati Uniti: Trump vince le primarie dei repubblicani in tre Stati in un solo giorno

Svizzera: referendum per la riforma delle pensioni, urne aperte