EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migranti: Geo Barents ad Ancona domani intorno alle 13.00

A bordo 48 naufraghi, di cui 9 minori assegnati al Sai
A bordo 48 naufraghi, di cui 9 minori assegnati al Sai
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 16 FEB - E' previsto intorno alle 13.00 di domani l'arrivo nel porto di Ancona dello Geo Barents, nave umanitaria di Medici Senza Frontiere, con a bordo 48 naufraghi, di cui 9 minori, soccorsi al largo della Libia in acque internazionali. Lo si apprende da fonti della Prefettura. Alla nave è stato asegnato il porto di Ancona, come era già avvenuto per altri due gruppi di migranti, sbarcati a gennaio dalla Ocean Viking e dalla stessa Geo Barents, come prima applicazione del decreto flussi. La Prefettura sta attendendo dal Ministero dell'Interno indicazioni sulla sistemazione degli adulti (che non dovrebbero comunque rimanere nel capoluogo marchigiano), mentre i 9 minorenni sono già stati assegnati al Sistema Accoglienza e Integrazione. Ma per eventuali ulteriori necessità la Prefettura di Ancona cerca operatori che forniscano il servizio di accoglienza temporanea a minori stranieri non accompagnati, la cui presenza venga accertata in fase di sbarco. Per questo motivo ha pubblicato sul proprio sito un avviso esplorativo per l'affidamento. All'arrivo dei precedenti due gruppi di naufraghi, il numero dei minori era cresciuti fino a 39. Come a gennaio, sono in fase di allestimento nella banchina 22, cinque moduli per le procedure di prima accoglienza, identificazione, attesa, servizi igienici e ambulatorio medico. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"