Natalità:Roccella,bisogna creare clima favorevole alla maternità

E' priorità assoluta, più che misure spot serve filiera servizi
E' priorità assoluta, più che misure spot serve filiera servizi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 15 FEB - Il tema della natalità "per il governo è una priorità assoluta". "Come in ogni intervento che riguardi il futuro, è necessario che le misure abbiano un orizzonte stabile di lungo periodo, per rendere certa la base sulla quale le famiglie possono contare. e bisogna creare un ambiente favorevole alla maternità. Non certo per negare la dualità della figura genitoriale, ma per fare in modo che il maggior peso che oggettivamente ricade sulle donne non sia di ostacolo alla realizzazione personale e dunque un freno alla realizzazione del desiderio di maternità, ove questo vi sia". Lo ha detto la ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità, Eugenia Roccella durante il question time alla Camera. "Più che misure spot serve dunque - ha aggiunto - una filiera di servizi e serve un importante coinvolgimento del mondo del lavoro e dell'impresa, in termini di contesto e di welfare integrativo. Si tratta di un investimento sul futuro. Gli ambiti di intervento sono: la continuità di carriera delle madri; le iniziative di prevenzione e cura dei bisogni di salute; l'adattamento dei tempi e modi di lavoro; la facilitazione delle transizioni familiari legate alla maternità. Non si tratta di adottare un approccio dirigista - ha concluso Roccella - ma di rimuovere gli ostacoli che frenano la realizzazione di un desiderio di genitorialità che in Italia resiste e che va accompagnato". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, via libera del Parlamento alla missione navale Aspides: mandato strettamente difensivo

Fao, donne più penalizzate degli uomini dal cambiamento del clima

Libertà dei media: ecco la situazione in Europa