Accoltellò 35enne in spiaggia, a processo trapper Elia17Baby

Cantante romano accusato di tentato omicidio a Tempio Pausania
Cantante romano accusato di tentato omicidio a Tempio Pausania
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 14 FEB - Giudizio immediato per il trapper romano Elia Di Genova, in arte Elia17Baby, che la notte del 14 agosto 2022 pugnalò alla schiena Fabio Piu, 35enne di Sassari, sulla spiaggia di Marinella, in Gallura, provocandogli ingenti ferite alla spina dorsale. Oggi la Procura di Tempio Pausania ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato per il cantante 26enne, attualmente detenuto nella casa circondariale di Viterbo. L'udienza è stata fissata per il prossimo 22 marzo. L'episodio si verificò dietro alla struttura di un noto locale sulla spiaggia del golfo di Marinella, a due passi da Porto Rotondo, subito dopo la fine di una serata in musica alla quale stava partecipando Elia Di Genova con un gruppo di amici romani e Fabio Piu con alcuni amici. Stando alla ricostruzione dell'accaduto, due gruppi di ragazzi avrebbero iniziato una discussione animata, e senza che fosse direttamente coinvolto, Di Genova si sarebbe scagliato alla spalle di Piu, colpendolo con un coltello che avrebbe poi lanciato nella vegetazione circostante per darsi alla fuga. Grazie al tempestivo intervento di alcuni presenti che hanno tamponato la ferita, il 35enne è sopravvissuto nonostante l'ingente quantitativo di sangue perso e la rilevanza della ferita che gli ha poi procurato serie lesioni alla spina dorsale tanto da compromettergli in parte l'uso delle gambe. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia