EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Vaccini in cambio dosi droga per Green pass a no vax,arresti

Indagini Cc Catania su rapinatori e fabbricanti armi artigianali
Indagini Cc Catania su rapinatori e fabbricanti armi artigianali
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 10 FEB - Tossicodipendenti, per pochi euro o per qualche dose di droga, si sottoponevano alla vaccinazione contro il Covid-19 con documenti falsi per permettere a dei 'no vax' di ottenere il Green pass. E' quanto emerso da un'inchiesta della Dda della Procura di Catania su indagini dei carabinieri del comando provinciale su una presunta banda di rapinatori. Militari dell'Arma stanno eseguendo un'ordinanza del Gip nei confronti di 17 indagati, nove dei quali destinatari di una misura cautelare. Tra loro anche 'fabbricanti' di armi artigianali che venivano vendute a criminali locali. Il provvedimento, eseguito da oltre cento carabinieri del comando provinciale di Catania, ipotizza, a vario titolo, i reati di rapina aggravata, sequestro di persona, fabbricazione, porto e compravendita di armi clandestine, falso materiale, cessione di stupefacenti e ricettazione. Dall'indagine, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania, è emerso come gli indagati, oltre ad aver commesso tre cruente rapine a mano armata in esercizi commerciali di San Giovanni La Punta, fabbricassero anche armi clandestine perfettamente funzionanti, che venivano vendute a criminali del luogo per circa mille euro ciascuna. L'attività investigativa ha poi portato alla luce un articolato sistema criminoso, in cui tossicodipendenti, per pochi euro o qualche dose di sostanza stupefacente, muniti di documenti falsi, venivano convinti a farsi vaccinare più volte, per procurare a 'no vax' la certificazione 'Green pass'. Per una delle "cavie", è stata infatti accertata la somministrazione di tre dosi di vaccino in meno di un mese, a grave rischio per la propria salute. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, incontro a tre sul post-guerra: mancano i diretti interessati

Olimpiadi di Parigi 2024, già si parte con calcio e rugby a sette: il programma completo

Nepal, aereo si schianta a Katmandu: 18 morti, salvo uno dei due piloti