EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bimba morta di stenti, verso il processo per Alessia Pifferi

Respinta la richiesta della donna imputata per omicidio
Respinta la richiesta della donna imputata per omicidio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 08 FEB - Rapida udienza stamani, poco più di una decina di minuti, per Alessia Pifferi che si è presentata davanti al gip di Milano per la discussione tra le parti dell'esito di una perizia. Ultimo passaggio prima della richiesta di processo con rito immediato che la Procura formulerà a breve a carico della 37enne, in carcere dal 20 luglio scorso, accusata di omicidio volontario aggravato per aver abbandonato la figlia Diana di quasi un anno e mezzo da sola in casa per 6 giorni. La piccola morì di stenti. Nell'udienza la donna era assistita dal nuovo legale, l'avvocato Fausto Teti. Sono stati discussi velocemente gli esiti della perizia di cui già si era saputo nei giorni scorsi. Un incidente probatorio che ha escluso la presenza di benzodiazepine o altri tranquillanti nel biberon e nella bottiglietta d'acqua trovati vicino al corpo della bimba. La nuova difesa, meno mediatica della precedente, è incentrata, come aveva già chiarito il legale, sul fatto che dal punto di vista "oggettivo" il quadro dei fatti "è chiaro" ed elemento "centrale" sarà una richiesta di perizia psichiatrica nel dibattimento per valutare un eventuale vizio di mente della donna. I pm Francesco De Tommasi e Rosaria Stagnaro stanno per inoltrare al gip Fabrizio Filice (hanno tempo fino al 20 febbraio) la richiesta di giudizio immediato (si salta l'udienza preliminare) e così il processo dovrebbe iniziare nelle prossime settimane davanti alla Corte d'Assise. La donna rischia una condanna all'ergastolo. Dopo aver chiuso la porta di casa con dentro la figlia, se ne era andata dal compagno (non padre della bimba) in provincia di Bergamo. E con queste parole aveva confessato: "Ci contavo sulla possibilità di avere un futuro con lui (il compagno, ndr) e infatti era proprio quello che in quei giorni stavo cercando di capire. E' per questo che ho ritenuto cruciale non interrompere quei giorni in cui ero con lui anche quando ho avuto paura che la bambina potesse stare molto male o morire". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, recuperati i cadaveri di tre ostaggi israeliani: aiuti Ue nella Striscia grazie a nuovo molo

Violenza verso politici in aumento in Ue: attacco a Fico tragica svolta nel panorama europeo

Il Green Deal europeo è già sul viale del tramonto?