Truffa delle staminali: Andolina, assolto ma non sono felice

Pediatra triestino si confessa al Piccolo dopo assoluzione
Pediatra triestino si confessa al Piccolo dopo assoluzione
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 02 FEB - "Non sono felice. E non c'entrano le accuse ingiuste, le menzogne nei miei confronti o l'essere stato trattato come un criminale. Ho vinto a livello processuale eppure mi sento uno sconfitto perché penso a tutti i morti, ai bambini che non ci sono più, ai malati di Sla che non abbiamo potuto aiutare con una terapia che aveva dimostrato di funzionare. Ma ci hanno fermato". E' la dichiarazione amara rilasciata al quotidiano Il Piccolo da Marino Andolina, il pediatra triestino imputato per aver proposto terapie a base di estratti di staminali e assolto due giorni fa dalla Corte d'appello di Brescia nel processo "Stamina 2". "La vittoria processuale conta, ma dentro mi sento un uomo sconfitto", prosegue, "non posso non pensare che dietro di me ho lasciato un bel po' di persone che non abbiamo potuto salvare, bambini morti o gravemente danneggiati". Andolina, che ha oggi 76 anni e che sostiene di essersi iniettato le cellule prima di somministrarle ai pazienti, sottolinea che l'uso delle staminali nelle terapie è vietato da una direttiva europea che le equipara ai medicinali "mettendo tutto nelle mani delle multinazionali. Contro la lobby farmaceutica è impossibile vincere e magari un domani le cure con le staminali ci saranno, ma temo solo per i ricchi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svizzera, referendum pensioni: sì ad aumento, no all'età a 66 anni

Russia, sei membri dell'Isis uccisi dall'antiterrorismo in Inguscezia

Portogallo: oltre 200mila elettori alle urne per il voto anticipato