EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cospito: Giurì d'onore sarà annunciato domani alla Camera

Composto da cinque membri, non si sa chi lo presiederà
Composto da cinque membri, non si sa chi lo presiederà
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 02 FEB - Verrà annunciata domani nell'Aula della Camera la costituzione del giurì d'onore che è stato chiesto dalle opposizioni dopo le affermazioni pronunciate lo scorso 31 gennaio nell'Emiciclo di Montecitorio da Giovanni Donzelli (Fdi) nei confronti di contro quattro deputati deputati del Pd tra cui il capogruppo Debora Serracchiani. A quanto apprende l'ANSA, il giurì, le cui conclusioni sono inappellabili (la relazione conclusiva viene semplicemente letta in assemblea ma non viene discussa nè votata) sarà composto da cinque deputati, ma non si sa ancora chi lo presiederà: il vicepresidente Giorgio Mulè si è detto a ciò indisponibile in quanto presiedeva l'Assemblea quando i fatti sono avvenuti. l regolamento della Camera (all'articolo 58) stabilisce che, quando nel corso di una discussione, un deputato sia accusato di fatti che ledano la sua onorabilità, egli può chiedere al presidente della Camera di nominare una commissione - il cosiddetto Giuri' d'onore, appunto - per giudicare la fondatezza dell'accusa. Alla commissione può essere assegnato un termine per presentare le sue conclusioni alla Camera che ne prende atto senza dibattito nè votazione. Non è specificato il numero dei giurati, che solitamente sono stati solo un paio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Islanda: le immagini della nuova eruzione vulcanica, migliaia le persone evacuate

Sudafrica al voto: elezioni legislative ad alto rischio per l'Anc, il partito di Mandela

"All eyes on Rafah", in milioni condividono l'immagine AI sui social dopo le stragi alle tendopoli