Opera, garantiamo a Cospito quello di cui ha bisogno

Costantemente monitorato a Opera, 'sue condizioni sono stabili'
Costantemente monitorato a Opera, 'sue condizioni sono stabili'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 01 FEB - "Riusciamo a gestirlo tranquillamente e a garantirgli tutto quello di cui ha bisogno". E' quanto fanno sapere da Opera, il carcere milanese dove l'altro ieri è stato trasferito Alfredo Cospito, l'anarchico che da 105 giorni sta facendo lo sciopero della fame per protestare contro il 41 bis a cui è sottoposto e, più in generale, contro la disposizione che in Italia ha introdotto il carcere duro. Da quanto si è saputo anche stamane Cospito è stato visitato dal medico del Servizio di assistenza integrata, struttura dell'istituto penitenziario alle porte di Milano in cui si trova e dove, come prevede il 41 bis, è monitorato 24 ore su 24. Parametri definiti normali. Da quel che risulta, le sue condizioni fisiche, sebbene abbia anche cominciato a rifiutare gli integratori (prosegue invece una terapia farmacologica), non richiedono alcun trasferimento in un ospedale esterno - in questo caso nel reparto di medicina penitenziaria del San Paolo - in quanto i suoi parametri sono ancora nella norma. Il 55enne, come tutti coloro che in carcere fanno lo sciopero della fame, verrà sottoposto a visite quotidiane. Al momento, oltre allo zucchero chiesto al suo ingresso, non avrebbe fatto altre richieste. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi

Canarie: proteste sulle isole contro il turismo di massa