Donna morta in rogo appartamento a Taranto, si indaga su cause

Forse corto circuito stufa elettrica, sequestrato immobile
Forse corto circuito stufa elettrica, sequestrato immobile
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TARANTO, 31 GEN - Sono ancora in corso le verifiche sulla sicurezza nel palazzo di piazza Giovanni XXIII a Taranto in cui ieri pomeriggio si è sviluppato un grosso incendio che ha causato il decesso di un'anziana invalida di 83 anni, Rosalia Mistretta. La donna è morta carbonizzata. Era seduta su una poltrona e non è riuscita a mettersi in salvo. A dare l'allarme è stata sua figlia che si è accorta del principio di incendio e ha cercato invano di aprire la porta dell'appartamento. Quando sono intervenuti i vigili del fuoco le fiamme avevano ormai preso il sopravvento. Forse a scatenare l'incendio è stato un corto circuito partito da una stufa elettrica. Il pubblico ministero Mariano Buccoliero ha avviato le indagini e disposto il sequestro probatorio del palazzo. Sono 22 le famiglie costrette a sgomberare e a trovare una sistemazione alternativa. Oggi nuovo sopralluogo dei vigili del fuoco e dei tecnici comunali per la messa in sicurezza e i controlli di natura statica, sulle linee elettriche e sulle condotte del gas. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"

Terrorismo: la Danimarca proroga i controlli al confine con la Germania

Berlino, la gorilla Fatou compie 67 anni