Accusati di frode a Ue,sequestrati somme e beni per 7,2 mln euro

Indagine della guardia di finanza nel palermitano
Indagine della guardia di finanza nel palermitano
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 31 GEN - Hanno realizzato un complesso zootecnico con mattatoio a Polizzi Generosa (Palermo) secondo l'accusa della guardia di finanza frodando l'Unione europea. I militari hanno eseguito un provvedimento con cui il gip di Termini Imerese, su richiesta della Procura Europea con sede di Palermo, ha disposto nei confronti di 6 persone e di una società di capitali il sequestro preventivo di somme e beni per 7,2 milioni di euro. I reati contestati sono a vario titolo, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture per operazioni inesistenti ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Le indagini condotte dai militari del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, guidati dal colonnello Gianluca Angelini, hanno riguardato i contributi a fondo perduto, di origine europea e nazionale, per circa 5,5 milioni di euro, concessi a una società dalla Regione Siciliana nell'ambito Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013. Secondo gli investigatori gli indagati avrebbero realizzato un "meccanismo con il quale avrebbero gonfiato le spese oggetto dei contributi pubblici una falsa attestazione sulla data di conclusione dei relativi programmi di investimento. Il costo dei beni rendicontati alla Regione sarebbero aumentati con un giro di fatture emesse da diverse società distinte tra loro, ma di fatto riconducibili a un unico gruppo imprenditoriale". Si tratterebbe per l'accusa di "passaggi" solamente cartolari tra più società riconducibili agli indagati, in modo tale da fare aumentare artificiosamente il costo finale dell'investimento documentato alla Regione Siciliana. L' L'ammontare complessivo delle fatture che si ipotizzano "gonfiate" è di circa 13 milioni di euro. Il sequestro disposto dal gip riguarda l'ammontare complessivo del presunto profitto sia dei reati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (5,5 milioni di euro) sia dei reati fiscali contestati (1,7 milioni di euro tra Ires e Iva che si ipotizzano evase). (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, un agente di polizia e un vicesceriffo muoiono in una sparatoria nello Stato di New York

Polonia, pro vita in marcia contro l'estensione del diritto all'aborto proposta dal governo

Nigeria: dieci anni fa il rapimento di 276 studentesse da parte di Boko Haram