EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Lazio: primo dibattito candidati, scintille sulla sanità

Autonomia e termovalorizzatore gli altri temi più divisivi
Autonomia e termovalorizzatore gli altri temi più divisivi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 29 GEN - Arroccati sulle loro posizioni, propongono i cavalli di battaglia della campagna elettorale, e sono scintille su sanità, autonomia differenziata, il termovalorizzatore di Roma. Su Rai 3 è andato in onda il primo dibattito tra i principali candidati alla presidenza della Regione Lazio. Nello studio di Lucia Annunziata si sono confrontati Donatella Bianchi del M5s, Alessio D'Amato del centrosinistra e Francesco Rocca del centrodestra. E il principale tema di scontro è quello della salute, a partire dal Covid, che D'Amato rivendica come "un modello che ha salvato vite umane". Rocca minimizza: "Un lavoro corale, non di un uomo solo" mentre Bianchi fa distinguo: "Covid e ospedali sono due condizioni diverse". D'Amato non ci sta: che la sanità sia migliorata lo dicono i "livelli essenziali di assistenza e il Piano nazionale degli esiti". "Il servizio brilla per il personale, ma la sanità è disastrata" chiosa Bianchi. "Non va tutto bene - reagisce D'Amato - ma rappresentare un disastro non è corretto". Rocca gioca la carta degli ospedali che "usano ancora il fax" e D'Amato lo rintuzza: "Non è vero, c'è un sistema digitale che si chiama Advice: è una rappresentazione da teatrino. Voi avete fatto il più alto debito e la più bassa adempienza". Interviene Bianchi: "Il debito? Generato sia da sinistra che da destra". "Ma non è così" sbotta D'Amato. Interviene Rocca: "La Corte dei Conti nel 2009 ha accertato che Storace non commise illeciti, gli anni di maggior debito sono stati il 2006 e il 2007". "E infatti - ironizza D'Amato - siamo usciti dal commissariamento. E tu hai lasciato il Sant'Andrea con 80 milioni di disavanzo". "Perché era una startup - replica l'ex capo della Cri - Io i soldi li ho saputi spendere, tutti". Quanto al termovalorizzatore: D'Amato lo difende: "Va chiuso il ciclo dei rifiuti, c'è stata una lobby storica favorevole alle discariche". E Bianchi, contraria: "L'Europa ci tasserà". Rocca se la prende col sindaco-commissario Gualtieri: "Sì all'impianto, ma come risolverà il traffico dell'Ardeatina? Con i M5s in Campidoglio la differenziata è diminuita". E Bianchi: "L'Ispra dice il contrario, ma ci sono stati altri problemi, come gli impianti che andavano a fuoco". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: Malaga, freno alla proliferazione di abitazioni per affitti brevi

Romania: in metà del Paese si abbatte l'ondata di caldo, piogge torrenziali e tempeste nell'altra

Russia: otto vittime in un incendio a un edificio in Russia