Comune Salento dona libro, seme e una bavetta per ogni neonato

A Melpignano dono simbolico a tutti i neo genitori
A Melpignano dono simbolico a tutti i neo genitori
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 27 GEN - Per ogni nuovo cittadino la cittadinanza fa festa e dona il seme di un albero da frutto, un libro e una bavetta con il bordo decorato coi colori della bandiera arcobaleno ad ogni neonato e ai suoi genitori. È il dono simbolico che il Comune di Melpignano fa a tutti i genitori residenti del borgo salentino che conta poco più di 2mila abitanti ed è diventato famoso perchè ospita il concertone finale della Notte della Taranta. Per volontà dell'amministrazione comunale, guidata dalla sindaca Valentina Avantaggiato, oltre alla bavetta con i colori inclusivi dell'arcobaleno, preferiti ai tradizionali rosa e celeste, ai neogenitori viene regalato un mazzo di fiori e il seme corredato da una lettera con le indicazioni per la piantumazione tramite una piattaforma italiana specializzata nella piantumazione in Africa, America Latina, Asia e nella stessa Italia, da parte di contadini del luogo. "Un esemplare da frutto per ogni nuovo nato - spiega una nota dell'amministrazione - visibile 'virtualmente', ma piantato realmente in un punto preciso del mondo. Per cui ogni famiglia potrà non soltanto vederlo, ma monitorarne la crescita e, un giorno, anche andare a trovarlo" "Sono 24 le nascite registrate tra il 2021 e il 2022 in paese - prosegue la nota - pertanto sono già 24 gli alberi che omaggiano i piccoli e le piccole di Melpignano piantumati nel mondo. Per ogni nascita, una ri-nascita: quelle della natura, attraverso un contributo alla riforestazione. Non a caso, nel "corredino" di benvenuto in dono, anche un libro dal titolo: "L'uomo che piantava gli alberi". Un celebre racconto degli anni Cinquanta che narra di un pastore che - con estrema pazienza e cura, seppur tra mille difficoltà - riuscì a riforestare un terreno impervio ai piedi delle Alpi francesi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, "presto aiuti dagli Usa" dice Biden inclusi gli Atacms: colpita torre tv di Kharkiv

Elezioni europee: Nicolas Schmit a Berlino con Katarina Barley

Elezioni europee 2024, quando e come si vota, partiti e candidati: quello che c'è da sapere