Maltempo: ritorna elettricità in zone Nuorese in blackout

Sindaci Ussassai e Seulo, mancano mezzi per liberare strade
Sindaci Ussassai e Seulo, mancano mezzi per liberare strade
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 21 GEN - Sono stati risolti definitivamente i blackout che si sono verificati negli ultimi due giorni nei paesi montani del Nuorese a causa delle copiose nevicate che hanno abbattuto i cavi dell'alta tensione. Nel pomeriggio l'energia elettrica è tornata nel quartiere di Asuai a Desulo e per le 42 utenze di Seulo rimaste senza corrente dall'alba di ieri mattina, tra cui anche alcuni agriturismi. Ci sono ancora problemi di neve e di ghiaccio sulle strade di montagna e alcuni sindaci alzano la voce. A Ussassai, in Ogliastra, che si è svegliata sommersa dalla neve e dal ghiaccio, stamattina i mezzi spargisale sono arrivati dopo le 9. "Siamo senza mezzi perché ogni anno a ottobre i mezzi della protezione civile li portano in altri paesi - spiega Chicco Usai sindaco di Ussassai - questi giorni siamo riusciti a liberare le strade dalla neve solo con i mezzi di Forestas e della.compagnia barracellare. Ieri mattina abbiamo avuto difficoltà a percorrere la strada che porta alla struttura sanitaria Antes e abbiamo dovuto procedere noi con i sacchi di sale perché non abbiamo altri mezzi" . Più a sud, anche il sindaco di Seulo si lamenta perché mancano i mezzi per liberare le strade di campagna: "Abbiamo difficoltà a liberare le strade per far passare.gli allevatori - ha aggiunto Enrico Murgia - Stiamo cercando di far arrivare qualche mezzo per spargere il sale e per evitare che si creino problemi.con il ghiaccio ". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica, Ue: torna freddo dopo i picchi di caldo a rischio i frutteti

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea