I traghetti della Delcomar erano a norma, armatori assolti

Sentenza a Cagliari, "il fatto non sussiste"
Sentenza a Cagliari, "il fatto non sussiste"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Tutto regolare: i traghetti della Delcomar in servizio tra la Sardegna e le isole minori erano a norma. Lo ha stabilito la giudice del Tribunale di Cagliari, Maria Cristina Ornano, assolvendo con la formula più ampia, "il fatto non sussiste", gli armatori della compagnia di navigazione, Franco Del Giudice e il figlio Enzo, quest'ultimo presente in aula per la sentenza. Erano accusati di concorso nel conseguimento di erogazioni pubbliche, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, falsi in atti pubblici e attentato alla sicurezza della navigazione al termine dell'indagine della Guardia di Finanza sull'appalto regionale con il quale la società si era aggiudicata i collegamenti tra la Sardegna e le isole minori di Carloforte e La Maddalena. Un appalto da oltre 71 milioni di euro rinnovabile sino a 9 anni per un totale di 104 milioni di euro. Inizialmente il pm Giangiacomo Pilia, a seguito delle indagini dei finanzieri e delle consulenze dei propri esperti, si era convinto che la Delcomar avesse partecipato alla gara con dei traghetti che non rispettavano il bando. A maggio scorso aveva chiesto la condanna di Franco ed Enzo Del Giudice a 6 e 4 anni di reclusione, ma la giudice Ornano aveva riaperto l'istruttoria nominando un perito super-esperto: un ingegnere già contrammiraglio della Marina militare che ha chiarito che le navi erano conformi alla gara. Nel frattempo, a fine indagine, nel maggio del 2021, la flotta della Delcomar e i beni societari dei titolari erano stati sequestrati dalla gip Ermengarda Ferrarese su richiesta della Procura, per un valore di 64 milioni di euro. Sequestro che oggi è venuto meno con l'assoluzione di entrambi gli imputati. La perizia del super-esperto nominato dal Tribunale ha convinto anche il pm Pilia, che ha cambiato la propria posizione, sollecitando l'assoluzione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una 14enne va a scuola con un fucile, spara sui compagni e si uccide: tragedia in Russia, due morti

Al via la Festa delle luci di Lione: massima sicurezza a causa dell'allerta terrorismo in Francia

Russia, stabilita la data delle prossime elezioni presidenziali: Putin vicino al quinto mandato