EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Università: Genova, nasce centro per formare i docenti

Rettore, 'formare formatori' è una nostra tradizione
Rettore, 'formare formatori' è una nostra tradizione
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 16 GEN - Si chiama Unige Teaching and Learning Centre (Utlc), uno spazio di circa 200 mq, dotato di supporti interattivi, lavagna digitale e tavoli mobili per consentire agli utenti di lavorare in sessioni parallele, che è stato dedicato alla formazione dei docenti. L'aula, inaugurata oggi, si trova all'interno del dipartimento di Economia in Darsena, e sarà sede di Ateneo per le attività di organizzazione e coordinamento di tutte le iniziative di faculty development dell'Università di Genova. "Non esiste una didattica efficace se non misurata con un apprendimento efficace - ha detto Fabrizio Bracco, delegato del rettore all'innovazione didattica - e Utlc non è solo lo spazio fisico che consentirà al corpo docenti dell'Università di Genova di formare i neoassunti, attivare workshop e seminari e creare un'offerta didattica di qualità ma è anche la sede di una realtà che già esiste dal 2020 e che ora ha una sua casa". "Questa della 'formazione ai formatori' - ha aggiunto il rettore Federico Delfino - è una tradizione che caratterizza il nostro ateneo. Abbiamo competenze trasversali in molti dipartimenti su questo tema che stiamo valorizzando con convegni e interagendo con altri atenei, e avere a disposizione infrastrutture per svolgere questa attività penso sia un valore aggiunto". Un supporto concreto all'iniziativa la Fondazione Compagnia di San Paolo. "Credo sia un'eccezione nel nostro paese. - ha sottolineato il presidente Francesco Profumo - dove si pensa che si possa insegnare solo per il sapere che si ha e non per la modalità con la quale questo sapere si trasferisce. In questi anni si è creata una consapevolezza che l'insegnante e un'arte che deve essere coltivata e questa iniziativa, che è stata anche spinta dalla Compagnia è molto meritoria". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Euro 2024, l'Italia non passa con la Spagna: 1-0 per le Furie Rosse

A Shepetivka, in Ucraina, il doposcuola tra armi e addestramento militare

Kenya, proteste e sconti nelle strade di Nairobi