Per le Vele di Scampia e Taverna del Ferro 122 mln Pnrr

"Obiettivo realizzare quartieri residenziali e servizi"
"Obiettivo realizzare quartieri residenziali e servizi"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 12 GEN - Il Comune di Napoli ha candidato al Pnrr i "Piani urbani integrati" del Lotto M di Scampia e di San Giovanni a Teduccio, con l'obiettivo di realizzare nuovi quartieri residenziali e una rete di servizi e spazi aperti dove oggi sorgono le Vele e Taverna del Ferro, due grandi quartieri di edilizia residenziale pubblica diventati l'emblema di una periferia marginale e degradata. "Demolire le Vele e i palazzoni di Taverna del Ferro per offrire agli abitanti nuovi alloggi di qualità è l'obiettivo principale dell'Amministrazione, che riconosce non solo il diritto all'abitare di coloro che da troppo tempo abitano in case degradate e chiedono una soluzione, in considerazione che si tratta di due quartieri emblematici di una più generale emergenza abitativa diffusa in tutto il Paese", sottolineano al Comune. Con questa misura del Pnrr, che fa capo al Viminale, il Comune ha ottenuto un finanziamento di 70 milioni di euro per il Lotto M e di 52 milioni per Taverna del Ferro. I 70 milioni di Scampia serviranno a completare il lavoro - avviato negli anni passati senza la totale copertura finanziaria - di rigenerazione dell'intero Lotto M, prevedendo nuovi alloggi, servizi di prossimità e spazi aperti riqualificati. Il Comune sottolinea che "si tratta di uno dei processi di rigenerazione abitativa più impegnativi tra quelli realizzati in Italia negli ultimi anni. Vi sono coinvolte migliaia di persone in attesa di una soluzione dignitosa a una condizione prolungata di segregazione e di diffusa irregolarità abitativa. Una irregolarità che non si registra solo a Napoli, ma è una condizione comune alle altre grandi città italiane, dove incidono pesantemente decenni di mancato trattamento - a partire dalle politiche dello Stato - del problema della casa e il restringimento progressivo dell'accesso al mercato libero della residenza. È necessario adesso proseguire secondo fasi programmate il percorso avviato per imprimere una svolta su un fronte così delicato ma anche così atteso". "Registriamo con favore un clima di piena collaborazione con gli abitanti del territorio che può portarci a fare insieme i necessari passi in avanti", il commento del vicesindaco e assessore all'Urbanistica Laura Lieto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: esonda il fiume Tobol, tremila evacuati

Giappone: scontro tra elicotteri militari, un morto e sette dispersi

Romania: a Pitești la festa dei tulipani