EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pilota influencer in moto su spiagge Sardegna, è polemica

Ambientalisti segnalano le evoluzioni a Capitaneria e Forestale
Ambientalisti segnalano le evoluzioni a Capitaneria e Forestale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 10 GEN - Sara Aydin è una motociclista professionista svedese di 25 anni. Una star dei social che ha più di 400 mila iscritti al suo canale YouTube, 632.000 follower su Instagram e, con la sua passione per le due ruote, ha costruito il suo personaggio facendone un mestiere. Così, come pilota di supermoto e influencer, viaggia in tutta Europa, Italia compresa, mostrando le sue abilità a condurre, anche in maniera spericolata, diversi tipi di moto: dalle custom a quelle da strada, sino ad arrivare alle "allroad". Evoluzioni su una ruota con tanto di balletti tra una pedana e l'altra, gimcane, drifting e altro ripreso e postato sui social. L'ultimo suo viaggio in Sardegna, però, sta scatenando le polemiche sul web e non solo. Dapprima è stata filmata mentre su una ruota, in piedi sul sellino sfrecciava nel traffico del litorale del Poetto a Cagliari, poi ha postato video di lei che con la moto entra in alcune spiagge dell'Isola, in una storia Instagram "made it to Sardinia". Da qui la segnalazione degli ambientalisti del Gruppo d'Intervento Giuridico (Grig) al Corpo forestale e di vigilanza ambientale e alla Guardia costiera, visto che l'ingresso sulle spiagge è vietato ad auto e moto. "Il fatto che ci guadagni non l'autorizza, però, a piovere su 'sta Isola nel bel mezzo del Mediterraneo occidentale a fare quello che le salta in testa: per esempio, impennarsi ripetutamente su trafficate strade cittadine e scorrazzare in moto sulle spiagge - si legge in una nota del Grig - Sono cafonate, causano pericoli sulle strade, provocano danni all'ambiente e, ma guarda un po', sono pure vietate. Chissà se in Svezia l'avrebbero permesso". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cipro, cinquant' anni dopo l'invasione turca del 1974 che portò alla spartizione del Paese

Le notizie del giorno | 17 luglio - Serale

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi