Caso Carabellò, la famiglia si oppone all'archiviazione

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Un giudice terzo valuti con serenità tutti gli elementi'
'Un giudice terzo valuti con serenità tutti gli elementi'

(ANSA) – BOLOGNA, 09 GEN – La famiglia di Biagio Carabellò ha
depositato l’opposizione alla richiesta di archiviazione della
Procura di Bologna. L’operaio era scomparso nel 2015 a 46 anni e
i suoi resti sono stati trovati il 23 marzo 2021 in un’area
verde vicino nella zona del Parco Nord, in periferia. La Procura aveva aperto un fascicolo per omicidio e due
persone sono indagate, l’ex coinquilino di Biagio e una donna,
che ereditò i beni della compagna, grazie a un testamento che
poi si rivelò falso. Dopo il ritrovamento del cadavere era stata disposta una
perizia per confermare l’identità e accertare le cause della
morte e la conclusione è stata che il motivo del decesso non è
determinabile. Secondo la Procura le indagini non hanno
consentito di raggiungere un quadro probatorio sufficiente a
carico degli indagati. Ma i familiari di Carabellò, assistiti dall’avvocato Barbar
Iannuccelli, si oppongono all’archiviazione: “Vogliamo che un
giudice terzo valuti con serenità tutti gli elementi oggettivi
presenti in tutti questi anni di indagine – dice l’avvocato – Se
la morte di un uomo ritrovato cadavere in un fosso a Parco Nord
di Bologna deve rimanere inspiegabile, il problema rimane in
capo a tutti noi”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.