EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In auto sfondano casello dell'A/1 a Chiusi per fuggire, presi

Gioielli d'oro a bordo, scappavano dalla polizia. Uno è minore
Gioielli d'oro a bordo, scappavano dalla polizia. Uno è minore
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CHIUSI (SIENA), 05 GEN - Non si fermano all'alt della polizia sull'A1 e abbattono la barriera del casello di Chiusi (Siena) quindi vengono inseguiti e rintracciati la notte scorsa dopo quattro ore di ricerche. Sono due stranieri domiciliati a Milano. Non parlano italiano, non avevano documenti di identità. Poi con gli accertamenti è stato stabilito che uno ha 32 anni ed è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione, il minore è stato affidato a una comunità. I giovani sono stati trovati in possesso di cacciaviti di grosse dimensioni, bigiotteria e gioielli in oro, probabile provento di furto, che sono stati sequestrati, oltre a un passamontagna e un cappellino scuro. La vicenda inizia mercoledì sera. Viaggiavano su un'auto Renault con targa francese. Quando una pattuglia della Polstrada si è affiancata per un controllo, i due anziché arrestare la marcia, hanno iniziato a compiere manovre evasive cercando anche di speronare l'auto della polizia. Al casello di Chiusi hanno anche impattato contro il muro di una cabina elettrica, pertanto sono scappati a piedi nelle campagne di Querce al Pino. I poliziotti del commissariato locale verso mezzanotte li hanno trovati nella stazione ferroviaria di Chiusi. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"