Migliorano condizioni bimbo picchiato, ma ha ematoma cranico

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Padre, ha voluto un abbraccio. Striscioni per chiedere giustizia
Padre, ha voluto un abbraccio. Striscioni per chiedere giustizia

(ANSA) – VENTIMIGLIA, 01 GEN – “Mio figlio sta leggermente
meglio, gli hanno tolto il drenaggio polmonare. Mi ha
accarezzato il viso e ha voluto un abbraccio. Ha guardato un po’
dei suoi cartoni animati preferiti e chiesto della mamma e del
fratellino”. Sono positive le notizie del bambino di sei anni di
Ventimiglia ricoverato dal 19 dicembre scorso all’ospedale
Gaslini di Genova a causa delle ferite provocate dal compagno
della nonna paterna, L. C., 75 anni, che si è costituito dopo
diversi giorni ammettendo di aver picchiato brutalmente il
piccolo. Il bimbo resta comunque in prognosi riservata a causa
delle fratture e delle lesioni interne provocate dalle botte di
quello che chiamava ‘nonno’. I medici dell’ospedale pediatrico genovese ogni giorno, per
diverso tempo, diminuiscono la sedazione al bambino per
verificare la reazione cerebrale. Oltre ai traumi accertati
inizialmente, infatti, ieri è emerso anche un ematoma alla
testa. Resta ancora da ricostruire nei dettagli la dinamica
dell’accaduto. La Procura ha iscritto nel registro degli
indagati il 75enne per lesioni gravissime e la nonna paterna del
bimbo, in concorso. I due sono a piede libero. Motivo, questo,
per cui in città sono comparsi alcuni striscioni che chiedono
‘giustizia’ per il bambino. Intanto la popolazione si è
mobilitata per raccogliere fondi da destinare ai genitori del
bimbo, in modo da aiutarli ad affrontare le spese di alloggio a
Genova. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.